Orsetta Baroncelli

Orsetta Baroncelli è archivista e documentalista. Si è laureata con lode nel 2005 in Lettere con indirizzo storico-artistico presso l’Università degli Studi di Roma Tre con una tesi sugli affreschi quattrocenteschi conservati nella chiesa di Santa Croce a Genazzano sotto la direzione del professore emerito Bruno Toscano. L’interesse per le ricerche in archivio svolte durante la tesi di laurea, l’hanno spinta ad approfondire la sua formazione, frequentando dal 2007 al 2009 la Scuola di Archivistica Paleografia e diplomatica dell’Archivio di Stato di Roma, presso la quale si è diplomata nel 2009. Esperta di archivi delle famiglie aristocratiche romane, ha collaborato già nel 2009 alla redazione dell’inventario della famiglia Giustiniani di Roma, conservato presso l’archivio di Stato di Roma, che le è valso nel 2010 l’inclusione nella short-list di esperti esterni all’amministrazione per il conferimento di incarichi nell’ambito delle attività della Direzione Generale per gli Archivi per la implementazione del Sistema Archivistico Nazionale (SAN) e dei Sistemi informativi afferenti. Durante lo stage effettuato nel 2011 presso la Sezione archivi della Biblioteca Apostolica Vaticana ha preso parte all’inventariazione dell’archivio della famiglia Barberini, in particolare della serie Abbazie. Dal 2011 ad oggi collabora con la dottoressa Goulet come documentalista negli archivi delle famiglie Orsini di Bracciano e Lante della Rovere, contrattualizzata prima dal CRNS, poi dall’EFR.

Pubblicazioni principali

“«Di servitore se gli era dichiarato nemico»: Caravaggio tra il Cavalier d’Arpino e Luciano Bianchi”, Roma moderna e contemporanea, (2/2011), anno XIX, pp. 199-213

“Caravaggio e l’ospedale di Santa Maria della Consolazione”, in Caravaggio a Roma: vita dal vero, Catalogo della mostra Roma, De Luca Editore (2010), pp. 60-64.

“La decorazione della chiesa di Santa Croce a Genazzano: il primo ciclo di affreschi del XV secolo”, Martino V: Genazzano, il pontefice, le idealità. Studi in onore di Walter Brandmüller, a cura di Pierantonio Piatti e Rocco Ronzani, Roma, Centro Culturale Agostiniano e Roma nel Rinascimento (2009), pp. 163-174.

“Gli archivisti di famiglia a servizio delle famiglie nobili nella Roma tra il XVII e il XVII secolo”, in corso di pubblicazione nei MEFRIM, secondo semestre 2020 (dossier tematico «Spectacles et performance à Rome (1644-1740)», co-pubblicato da Anne-Madeleine Goulet, José María Domínguez ed Élodie Oriol.

“Matthaei de Esculo O.S.A. Registro generalatus (1359-1360)”, (con M. Stocchi) in corso di pubblicazione in Fontes Historiae Ordinis Sancti Augustini (Prima Series, Registra Priorum Generalium, vol. II).